Guida agli incentivi per l’installazione di un impianto fotovoltaico
17 Apr
Il ruolo delle industrie nella tutela dell’ambiente: la produzione sostenibile
2 Mag

Guida all’efficienza energetica nelle PMI

Per una piccola o media impresa è indispensabile raggiungere l’efficienza energetica. Un’ottimale gestione dei consumi di energia costituisce non solo un beneficio per la diminuzione dei costi, ma anche un fattore chiave per aumentare il controllo su sicurezza e autonomia produttiva.

L’implementazione di impianti e processi che hanno come obiettivo l’efficienza energetica, nel lungo periodo si configura come un investimento profittevole, sia in termini economici che ambientali.

Non va dimenticato che uno degli obiettivi dell’Unione Europea per il 2020 è il raggiungimento del pacchetto 20/20/20:

  • ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 20%;
  • raggiungere il 20% di risparmio energetico;
  • aumentare del 20% l’utilizzo di fonti rinnovabili.

Le PMI italiane devono quindi non solo vedere questo obiettivo come un obbligo, ma come un’opportunità di sviluppo, per aumentare la competitività a livello mondiale.

Con il termine efficienza energetica, indichiamo la capacità di un impianto fisico di diminuire il consumo di energia, mantenendo inalterato il risultato finale in termine di servizi offerti.

Oltre il raggiungimento dell’efficacia energetica, è importante che l’energia utilizzata provenga da fonti rinnovabili e alternative.

Per aiutare le PMI, nel raggiungere l’obiettivo dell’efficienza energetica, sono disponibili soggetti economici, anche detti ESCO, che aiutano le aziende e forniscono diversi servizi tra cui:

  • individuazione delle aree in cui ci sono maggiori sprechi di energia;
  • riduzione dei costi energetici;
  • diffusione di una politica aziendale improntata sull’efficienza energetica;
  • assistenza e manutenzione degli impianti energetici di produzione e distribuzione.

L’intervento di un Consulente Energetico si articola in sei fasi:

  • Prima fase: diagnosi energetica, finalizzata ad individuare gli sprechi;
  • Seconda fase: definizione del progetto esecutivo;
  • Terza fase: reperimento dei capitali necessari per l’investimento;
  • Quarta fase: compilazione del contratto;
  • Quinta fase: realizzazione dei lavori;
  • Sesta fase: manutenzione degli impianti.

Grazie al consulente energetico le imprese posso risparmiare in termini di costi e godere degli incentivi che lo Stato mette a disposizione.

AFFIDATI A SAIT E AI NOSTRI CONSULENTI ENERGETICI, CONTATTACI!